(AdnKronos) – Per i facilitatori è poi previsto il recall a metà mandato. Il mandato di un facilitatore Team del Futuro durerà quanto quello del capo politico. “Quindi chi verrà eletto a questa tornata – chiarisce Di Maio – sarà colui che poi durerà in carica per i prossimi 3 anni, ad 1 anno e mezzo sarà sottoposto a un Recall per vedere se ha portato a casa o sta portando a casa quei risultati che ha messo nel suo progetto, gli obiettivi che ha messo nel suo progetto, se sta lavorando in team, se sta coordinando le parti del MoVimento, se sta rendendo il MoVimento più efficace e più efficiente per risolvere i problemi degli italiani”.
Nel post c’è anche lo stop al doppio incarico. “Se sei un portavoce non puoi avere ruoli di governo o doppi ruoli, penso ad un presidente di commissione in Parlamento perché è il tempo”, scrive Di Maio confermando quanto anticipato dall’Adnkronos. Il Team del Futuro di 12 persone verrà inoltre affiancato anche da alcuni ruoli organizzativi, “comunicazione, personale, formazione, area legale, enti locali e Open candidature. Questi ruoli qui sono ruoli che affideremo a persone che hanno un’alta professionalità. Sono persone che potranno proporsi e a cui come capo politico affiderò le deleghe e poi saranno ovviamente votati dagli iscritti come conferma”.
Per Di Maio la riorganizzazione prende il via perché “è arrivato il momento di coordinarci. Non possiamo più trovarci in situazioni in cui la mano destra non sa più che cosa fa quella sinistra perché siamo tutti impegnati nell’azione di governo, nell’azione in consiglio regionale, in consiglio comunale, a fare i sindaci abbiamo un grande patrimonio da esprimere e abbiamo tante nuove persone da avvicinare”.