AFP/LaPresse

Il difensore nerazzurro ha parlato di queste prime settimane di preparazione, soffermandosi sul metodo di lavoro di Antonio Conte

Le prime settimane di lavoro agli ordini di Antonio Conte sono servite all’Inter per cominciare a capire il metodo dell’allenatore pugliese, deciso a riportare in alto i colori nerazzurri.

AFP/LaPresse

Il passaggio alla difesa a tre è l’elemento principale di stacco rispetto al passato, Milan Skriniar ne ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport dopo la vittoria ai rigori contro il Paris Saint-Germain: “la verità è che abbiamo fatto bene anche contro il Psg, dopo la Juventus. Si vede già qualcosa della nuova Inter. Non sarebbe stato giusto perdere, avevamo avuto più occasioni del Psg per far gol. Ma soprattutto nel primo tempo abbiamo fatto vedere un bel calcio e questo è positivo. La squadra c’è, s’è visto molto bene con il Psg. Preferisco giocare partite così difficili, con avversari di alto livello. In questo modo puoi renderti conto dei miglioramenti, per noi queste amichevoli sono fondamentali. Rispetto al periodo con Spalletti, adesso è cambiato il sistema difensivo, la difesa a tre ha meccanismi diversi. Li dobbiamo migliorare, ci stiamo lavorando. Conte è un martello, insieme con il suo staff ci sta spiegando tutto. Lo fa in maniera chiara, questo per noi è davvero molto importante. Stiamo lavorando bene, l’Inter è in crescita: dobbiamo continuare seguendo i principi di gioco del tecnico“.

AFP/LaPresse

Skriniar è convinto che stia nascendo un’Inter che possa lottare per il titolo: “con Conte tutti noi giocatori abbiamo capito che possiamo crescere individualmente, questo è il sentimento che ci ha trasmesso. E questa cosa chiaramente ci porta entusiasmo. Godin? E’ un grande campione, mi trovo bene con lui, e credo che sarebbe impossibile pensarla diversamente. È un ottimo ragazzo, forte, ci darà una grande mano e la darà a tutta l’Inter, ne sono certo. Stiamo lavorando su qualcosa di diverso rispetto al passato, non solo nel modulo. Tutta la squadra l’ha capito, siamo già cresciuti molto rispetto all’inizio della preparazione. Contro la Juventus abbiamo fatto bene, poi ci siamo ripetuti di fronte al Psg. La cosa ci riempie di fiducia, vuol dire che anche in vista della Champions League possiamo giocarcela alla pari con club così, non ho dubbi“.