binotto
photo4/Lapresse

Il team principal della Ferrari ha svelato quelle che sono le criticità relative al tracciato di Budapest, dove si terrà il prossimo appuntamento di Formula 1

Vittoria sfiorata per la Ferrari in Germania, se i problemi tecnici non avessero condizionato le qualifiche di Vettel e Leclerc, il Cavallino avrebbe potuto anche rompere il digiuno di successi in questa stagione.

binotto
Photo4/LaPresse

Il prossimo appuntamento in Ungheria potrebbe essere l’occasione giusta per tornare sul gradino più alto del podio, Mattia Binotto ci spera eccome: “Budapest è una pista tradizionalmente critica relativamente al raffreddamento e che richiede una configurazione di massimo carico aerodinamico. Per tipologia di curve inoltre, le gomme sono fortemente sollecitate, anche sul singolo giro di qualifica. Questa gara è un’importante tappa per avere ulteriore conferma che la nostra vettura sia migliorata su varie tipologie di tracciato. Potremo contare sugli elementi introdotti di recente ai quali si aggiungerà qualche modifica aerodinamica. Ci stiamo ovviamente concentrando sul risolvere i recenti problemi di affidabilità con l’obiettivo di evitare che si ripetano“.