Formula 1 – Ferrari, Binotto fa il punto sui piloti: “ecco chi ha la priorità fra Vettel e Leclerc”

Lapresse

Mattia Binotto fa il punto della situazione in merito ai piloti della Ferrari: il team va messo prima delle soddisfazioni personali. Vettel è felice, ma vorrebbe vincere di più. Leclerc sta crescendo

Nel corso del weekend di Silverstone, Mattia Binotto ha fatto il punto sulla situazione legata ai piloti della Ferrari. Nonostante il grande impegno profuso in pista, la scuderia di Maranello non è mai andata oltre una manciata di podi, mai sul gradino più alto. In realtà in due occasioni ci sarebbe anche salita, ma Vettel è stato ‘retrocesso’ a Montreal, mentre Leclerc è stato mandato fuori pista nel finale degl Gp d’Austria.

vettel

photo4/Lapresse

Ai microfoni di Motorsport, Binotto ha spiegato che al di là delle soddisfazioni personali dei piloti, è il team ad avere la priorità:“all’inizio del Mondiale siamo stati chiari: la cosa più importante è portare a casa il massimo numero di punti possibile, il team ha la priorità. Sebastian ancora oggi è il pilota che ha più punti in campionato, quindi se ci dovessero essere situazioni particolari daremo priorità a Sebastian, ma Charles è un pilota molto veloce, è stato in pole e ha avuto la possibilità di vincere delle gare e ovviamente non lo abbiamo mai fermato. Poi, se capiterà una situazione 50/50… vedremo, ma prima deve capitare.

Il momento di Vettel? Sebastian è davvero felice, anche se ovviamente lo sarebbe di più se vincesse delle gare. Ma credo che il suo desiderio sia quello di continuare a correre e competere, ed il suo sogno resta quello di vincere con la Ferrari. Lo vedo totalmente coinvolto nel nostro progetto.

Photo4/LaPresse

Progressi di Leclerc? Sta familiarizzando sempre più con la squadra, con il nostro metodo di lavoro, conosce meglio i suoi meccanici, i suoi ingegneri e si sente parte integrante del team. Ad inizio stagione per lui era tutto nuovo, aveva già corso un anno in Formula 1, ma in Ferrari le cose sono diverse, c’è una pressione maggiore e nel suo caso anche un pilota molto forte come compagno di squadra. Ha dovuto capire come concentrarsi al massimo su sé stesso, e dopo alcune gare vedo che è sempre più a suo agio con il team e le sue performance migliorano progressivamente weekend dopo weekend. Ha anche capito come ottenere il massimo in qualifica, ed in particolare in Q3, imparando a riconoscere come la pista si evolve e come sfruttarla nel migliore dei modi”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17961 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery