Roma, 25 lug. (AdnKronos) – Al tavolo a Palazzo Chigi sulla manovra e la riforma fiscale con le parti sociali, il vicepremier Luigi Di Maio presenta la proposta del M5S per il taglio del cuneo. Un taglio rivolto a chi assume a tempo indeterminato e che, viene spiegato, “non va ad incidere sull’aumento della spesa pensionistica, bensì su quello degli ammortizzatori sociali, variabile che permetterà anche di scomputare la spesa dai vincoli europei”.
In sostanza, la riduzione del costo del lavoro inserita nella proposta passa attraverso l’esonero del versamento dei datori di lavoro alla Naspi, un esonero corrispondente al 1,6% della retribuzione del lavoratore e solo sui contratti a tempo indeterminato. Il piano, è stato stimato da chi ha lavorato al progetto, permetterà un risparmio di 4miliardi di euro per le imprese.