Palermo, 30 lug. (AdnKronos) – “La galleria, costruita più di cento anni fa, purtroppo aveva manifestato delle evidenti fessurazioni che rendevano troppo pericoloso il transito dei treni. Ecco perché questo intervento era improcrastinabile. La sicurezza viene prima di tutto”. Così l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone dopo il sopralluogo di questa mattina al cantiere della galleria Montagnareale, lungo la linea ferroviaria Messina-Palermo. La chiusura della galleria ha determinato lo stop al servizio ferroviario tra Patti e Gioiosa Marea. Un blocco che durerà fino all’8 settembre data, confermata oggi, di riapertura.
Falcone, che ha effettuato il sopralluogo insieme al direttore generale Rfi Michele Laganà e ai tecnici dell’impresa esecutrice dei lavori, ha ispezionato l’infrastruttura, incontrato le maestranze e verificato il rispetto della tabella di marcia del delicato intervento. “Proprio oggi è iniziata la costruzione di un arco rovescio, interno alla galleria, che permetterà di superare le criticità della volta e rimettere in sicurezza l’infrastruttura – ha detto – A cantiere concluso, cioè entro i primi giorni di settembre sulla tratta Messina-Palermo si guadagneranno oltre cinque minuti sui tempi di percorrenza. Il governo Musumeci manterrà costante la vigilanza sulla tempistica e l’efficacia dell’intervento”.