Palermo, 16 lug. (AdnKronos) – Prendono il via domani, mercoledì 17 luglio, i quattro giorni di iniziative per il 27esimo anniversario della strage di via d’Amelio in cui, il 19 luglio 1992, persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina. Il programma, organizzato dal Centro studi Paolo Borsellino e dal movimento Le agende rosse, è stato presentato questa mattina nella Casa di Paolo, in via della Vetriera a Palermo, alla presenza fra gli altri dall’assessore alle Culture del Comune di Palermo Adham Darawsha e di Salvatore Borsellino, fratello del giudice e leader del movimento Le Agende Rosse.
Si comincia mercoledì 17, alle 16.30, in via della Vetriera, dove si festeggia il quarto compleanno della Casa di Paolo e alle 18 con la quinta edizione del triangolare di calcetto ‘La legalità scende in campo’ a cui parteciperà anche Manfredi Borsellino, figlio del giudice. Alle 20, nell’atrio Paolo Borsellino della biblioteca comunale di Casa Professa, si terrà l’incontro ‘Legami di memoria’ organizzato dall’Arci Palermo. Alle 20.30, alla facoltà di Giurisprudenza, si terrà il convegno ‘Paolo Borsellino, strage di Stato – Sulle orme dei mandanti esterni’, promosso da Antimafia Duemila e al quale parteciperanno Guido Lo Forte, Giuseppe Lombardo, Salvatore Borsellino e Giorgio Bongiovanni.