mattia binotto f1 gp cina
photo4/Lapresse

Mattia Binotto analizza la gara del Gp di Germania: il team principal Ferrari orgoglioso del secondo posto di Vettel e pronto a rincuorare Leclerc per l’occasione persa

Leclerc a muro con grandi possibilità di vincere la gara, Vettel secondo dopo essere partito in ultima posizione. Giornata davvero particolare quella vissuta dalla Ferrari nel Gp di Germania, risultato essere uno dei più divertenti degli ultimi anni a causa della forte incidenza della pioggia che ha fortemente condizionato la gara.

vettel ferrari
photo4/Lapresse

Intervistato a Sky Sport, Mattia Binotto ha analizzato così quanto accaduto in pista: “avendo visto la gara, a questo punto, c’è anche un po’ di rammarico. Contentissimi per Sebastian, ha fatto una bellissima gara, se l’è meritata. È una grande iniezione di fiducia. La macchina ha funzionato bene, l’avevamo visto già da venerdì e sabato: ha permesso ai nostri piloti di fare il ritmo giusto. Charles quando esce secondo in quel momento, le chiamate dei pit stop sono state tutte giuste, a volte anche i piloti hanno delle chiamate personali, ma quando ci sono queste condizioni la collaborazione è quello che serve. Vettel il più veloce nel finale? Questo dimostra che la macchina andava bene! Buon feedback dal bagnato, la macchina si è dimostrata veloce indipendentemente dalle condizioni di freddo, caldo, asciutto o bagnato. Podio importante per Vettel? Fondamentale per lui, poi qui in Germania davanti al suo pubblico. Iniezione di fiducia. Tra una settimana c’è l’Ungheria: altra pista, altre caratteristiche, non è detto si ripeta quanto accaduto qui in Germania. Ci sono delle piste dove siamo competitivi e dove i nostri avversari hanno alti e bassi, come tutti i team. Cosa dirò a Leclerc? Charles è già venuto al muretto e ci siamo guardati negli occhi, è bastato così. Oggi per lui è un’occasione mancata, ma ci sono altre gare e si rifarà, è stato velocissimo anche oggi“.