(AdnKronos) – La regionalizzazione del sistema scolastico, si sottolinea nel testo, “determinerebbe inquadramenti contrattuali del personale su base regionale, salari, forme di reclutamento, sistemi di valutazione disuguali, nonché livelli ancor più differenziati di welfare studentesco e percorsi educativi diversificati facendo venir meno il ruolo dello Stato come garante di unità nazionale, solidarietà e perequazione tra le diverse aree del Paese”.
Una scuola organizzata a livello regionale, “sulla base di specifiche disponibilità economiche – sottolinea il Pd – rappresenta una netta smentita di quanto sancito dagli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione a fondamento del principio di uguaglianza e lede gravemente altri principi come quello della libertà di insegnamento”.