caster semenya
Lapresse

Un giudice svizzero ha deciso che la sudafricana non potrà partecipare ai Mondiali di Doha

La telenovela Caster Semenya regala una nuova puntata, ancora più sorprendente di quelle vissute in precedenza. La sudafricana, al centro di un caso internazionale per il suo iperandrogenismo, non potrà partecipare ai prossimi Mondiali di Doha di atletica leggera in seguito alla decisione di un giudice del tribunale svizzero.

LaPresse/PA

Il magistrato elvetico ha annullato la sospensione temporanea ad personam – stabilita lo scorso 3 giugno dallo stesso ente – della regola introdotta l’8 maggio dalla Iaaf, secondo cui le atlete intersex devono ridurre tramite specifiche cure ormonali i propri livelli endogeni di testosterone, al fine di poter gareggiare tra le donne anche su distanze comprese tra i 400 e il miglio (1609 metri). “Sono molto delusa – le parole della Semenyami viene impedito di difendere il mio titolo mondiale, ma non mi arrendo e continuerò a lottare per i diritti di tutte le atlete coinvolte“.