ferrero serie a
LaPresse/Vincenzo Livieri

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Ferrero ed altre quattro persone, accusate di appropriazione indebita, autoriciclaggio e utilizzo di fatture false

Brutte notizie per Massimo Ferrero, per il presidente della Sampdoria infatti è stato chiesto dalla Procura di Roma il rinvio a giudizio con le accuse di appropriazione indebita, autoriciclaggio e utilizzo di fatture false. Insieme al numero uno della società blucerchiata, rischiano il processo anche la figlia Vanessa e il nipote Giorgio, oltre ai due manager Marco Valerio Guercini e Andrea Diamanti.

Il 20 settembre prossimo è fissata l’udienza davanti al Gup, che deciderà sulla richiesta del pubblico ministero. L’indagine è stata svolta dalla Guardia di Finanza, che ha sequestrato il 28 novembre scorso beni per circa 2,6 milioni di euro. Il tribunale del Riesame, qualche settimana dopo, ha però parzialmente annullato quel decreto, sancendo la restituzione dei beni agli indagati.