“Tu non camminerai più”, la rivincita di Ferland Mendy: dall’incubo paralisi al Real Madrid

AFP/LaPresse

All’età di quattordici anni i medici gli dissero che probabilmente non avrebbe più camminato, oggi Mendy è diventato ufficialmente un giocatore del Real Madrid

Tu non camminerai più“. Voce gelida, rotta solo dal pianto della sua famiglia. Quattordici anni e una vita che ti scorre davanti in poco tempo, pensando a tutte le cose impossibili da fare su una sedia a rotelle, compreso dare calci ad un pallone.

PRESSINPHOTO/LaPresse

Ferland Mendy però non è un ragazzo che si arrende facilmente, forza di volontà da vendere e lieto fine dietro l’angolo, con il trasferimento al Real Madrid ufficializzato oggi. Ma andiamo con ordine, partendo da quel giorno di dieci anni fa, quando si profila l’incubo paralisi dovuto ad un’artrite all’anca. I medici non pensano che Mendy possa farcela a tornare a camminare, lui addirittura si rimette gli scarpini e a 17 anni approda nella quarta divisione francese. Tre stagioni ad alti livelli e, quel ragazzo di Meulan-en-Yvelines, si trasferisce niente meno che al Le Havre, società che con i giovani ci sa fare eccome. Terzino tecnico e instancabile, qualità che attirano l’attenzione del Lione, che punta forte su di lui versando oltre sei milioni di euro al Le Havre. Da qui è un’escalation senza fine, prestazioni sontuose e addirittura il debutto con la Nazionale francese a 23 anni, un sogno che si avvera dopo una vita di sacrifici.

AFP/LaPresse

La scalata al successo però non si ferma mai così, proprio nella giornata di oggi, Ferland Mendy diventa ufficialmente un giocatore del Real Madrid per 48 milioni di euro più bonus, una cifra enorme che certifica ancora una volta le sue qualità. Dieci anni dopo l’incubo, ecco realizzarsi il suo più grande desiderio: Ferland Mendy ce l’ha fatta, adesso può davvero urlarlo al mondo.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (29597 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery