Imprese: Lu-Ve cresce negli Usa, nuovo stabilimento in Texas

Milano, 21 giu. (AdnKronos) – Lu-Ve cresce negli Usa e annuncia la costruzione di un nuovo stabilimento di circa 25mila metri quadrati per la controllata Zyklus a Jacksonville, in Texas. La multinazionale varesina quotata in Borsa di Milano e e terzo player globale nel segmento degli apparecchi ventilati, aveva acquisito un anno fa Zyklus, attiva nella produzione di scambiatori di calore, come primo indispensabile passo di un piano a medio termine per la crescita nel continente nordamericano. “In risposta alle favorevoli condizioni del mercato locale, Lu-Ve ha deciso di accelerare il processo di espansione, che prevedeva l’ampliamento dello stabilimento esistente”, spiega una nota.
Dopo l’ok del consiglio comunale di Jacksonville, Zyklus sta lavorando alla progettazione del nuovo stabilimento e l’inizio dei lavori è previsto per il prossimo autunno. Il costo dell’investimento sarà circa 5 milioni. “Il progetto statunitense si colloca nel solco dei programmi di crescita lanciati in aree strategiche, come Cina e Polonia, per servire i mercati locali in forte crescita. Anche in questo caso, la società varesina ha colto le opportunità di investimento offerte da piani di incentivi, messi a disposizione dalle autorità locali, per ampliare la propria base produttiva e rispondere alle opportunità di sviluppo offerte dai vari Paesi”.
Oltre che negli Stati Uniti e in Italia, dove ha sede il quartier generale del Gruppo, oggi Lu-Ve può contare su stabilimenti produttivi in Cina, Finlandia, India, Polonia, Rep. Ceca, Svezia e Russia. L’azienda ha chiuso il 2018 con un fatturato pro-forma di 420,7 mln di euro e impiega più di 3mila collaboratori in tutto il mondo, di cui mille in Italia.