Governo: crescono rumors rimpasto, ma solo dopo nomina commissario Ue

Roma, 20 giu. (AdnKronos) – Innanzitutto ci sono le caselle vacanti. Quelle lasciate ‘vuote’ dagli ormai ex sottosegretari leghisti Armando Siri ed Edoardo Rixi. A queste si aggiunge la ‘poltrona’ del ministro agli Affari europei, ‘orfana’ di Paolo Savona dopo il passaggio del professore ai vertici Consob. E intanto nei Palazzi romani crescono rumors di un rimpasto di governo vicino, ma soprattutto inevitabile, voci sorte all’indomani della defaillance del M5S alle elezioni europee e del trionfo della Lega, rumors rafforzatisi di giorno in giorno.
In un confronto risalente a ieri l’altro sarebbe stato il vicepremier leghista, Matteo Salvini, a nominare la parola tabù in un colloquio con l’altro vice, Luigi Di Maio. Ma senza passare all’incasso chiedendo nuove poltrone, bensì solo accennando alla necessità di rivedere la squadra di governo in casa Carroccio. “In realtà, tutti lo vogliono ma nessuno lo chiede: a livello di comunicazione, nessuno vuole intestarsi l’apertura della pratica”, spiega un’autorevole fonte di governo grillina.
L’idea che serpeggia in casa 5 Stelle è comunque quella di attendere prima di rimettere mano alle caselle. Con una deadline più o meno definita, riferiscono fonti di governo all’Adnkronos: la nomina del commissario Ue che potrebbe spettare all’Italia. Un tassello, questo, giudicato fondamentale ma che va conquistato faticosamente vista la questione della procedura di infrazione sul debito che grava sul lavoro diplomatico.