Golf – Travelers Championship: Francesco Molinari in difficoltà, al comando l’americano Chez Reavie

Il golfista italiano non brilla nel Travelers Championship, rimanendo in bassa classifica lontano dal leader Reavie

Francesco Molinari, 67° con 209 (69 69 71, -1), alla pari con Brooks Koepka, leader mondiale, è rimasto in bassa classifica nel terzo giro del Travelers Championship, torneo del PGA Tour che termina sul percorso del TPC River Highlands (par 70) a Cromwell nel Connecticut.

Con un gran 63 (-7) e lo score di 194 (65 66 63, -16) è salito in vetta Chez Reavie, 37enne di Wichita (Kansas) che con sei colpi di vantaggio spera di poter finalmente cogliere il secondo titolo sul circuito a distanza di undici anni dal primo (Canadian Open, 2008). Proveranno comunque a impedirglielo Keegan Bradley e Zack Sucher (200, -10), anche se il divario è difficile da colmare, così come non demorderanno Roberto Diaz e l’australiano Jason Day, quarti con 201 (-9).

Ha effettuato un gran recupero Bryson DeChambeau, da 57° a sesto con 202 (-8), grazie a un 64 (-6), ma la sua riscossa appare tardiva. Tra i concorrenti al decimo posto con 203 (-7) Patrick Cantlay e il giovane cileno Joaquin Niemann, negli ultimi tempi un po’ in ombra, mentre possono provare solo a risalire la graduatoria Patrick Reed e l’inglese Paul Casey, 20.i con 204 (-6), e Justin Thomas, 34° con 206 (-4) insieme al neopro norvegese Viktor Hovland, passato di categoria dopo l’ottimo US Open (12° e primo tra i dilettanti) e che si sta ben disimpegnando. Deludente Bubba Watson, 51° con 208 (-2), che difendeva il titolo.

William Chesney Reavie, che in carriera ha perso due titoli al playoff, dopo un bogey ha cambiato marcia e ha messo a segno otto birdie nelle ultime undici buche. Francesco Molinari ha sbagliato una sola buca (triplo bogey alla settima) realizzando poi sulle altre 17 due birdie e quindici par. Il montepremi è di 7.200.000 dollari.