Formula 1, Lewis Hamilton non si nasconde: “la manovra di Vettel? Avrei fatto la stessa cosa, ma…”

photo4/Lapresse

Il pilota della Mercedes è tornato a parlare del Gp del Canada, soffermandosi nuovamente sull’episodio che ha comportato la penalità nei confronti di Vettel

Il giorno dopo l’opinione di Lewis Hamilton sulla penalità inflitta a Vettel non è cambiata, anche se il pilota britannico ha regalato un particolare in più di non poco conto.

photo4/Lapresse

Il cinque volte campione del mondo infatti ha ammesso che si sarebbe comportato esattamente come il ferrarista nel caso in cui si fosse trovato al suo posto, sottolineando come difficilmente i piloti cedono la propria posizione. Queste le parole di Hamilton a Motorsport.com: “ho visto i replay e si vede chiaramente quanto fossimo vicini, quello che posso dire è che, se mi fossi trovato in testa alla corsa ed avessi commesso un errore, probabilmente avrei fatto la stessa cosa. Sono istanti in cui tutto accade molto in fretta, e credo che un pilota cerchi solo di mantenere la sua posizione, quando dico che avrei fatto la stessa cosa, intendo dire che avrei stretto la traiettoria come Vettel. Seb ha disputato una grande gara, e a parte la piccola escursione fuori pista ha fatto un ottimo lavoro, così come la Ferrari che si è confermata molto forte per tutto il weekend. Siamo stati molto, molto fortunati ad essere in battaglia con loro, perché avrebbero potuto chiudere la trasferta con una doppietta se, ad esempio, fossero partiti con entrambi i loro piloti dalla prima fila. Ma fortunatamente sono stato in grado di fermarli. Tornando all’episodio incriminato, dopo aver visto il replay ho dato un’occhiata ai miei dati constatando che ho dovuto frenare all’uscita della curva 4. Si era creata una situazione di pericolo, e se non l’avessi fatto, ci saremmo schiantati. Non mi sento di dover cambiare opinione“.

photo4/Lapresse

Il pilota britannico poi ha proseguito: “in qualifica abbiamo visto che le Ferrari possono di colpo trovare dai tre ai sei decimi sui rettilinei, ed anche in gara quando serve sono in grado di allungare sul dritto. Hanno chiaramente fatto un ottimo lavoro con il loro motore, c’è stato in passato un momento in cui Mercedes era avanti a tutti su questo fronte, ma oggi sono loro ad essere il riferimento. Superare Vettel? Non sarebbe stato semplice senza penalità, forse avrei potuto provare nei giri finali, quando ha alzato il ritmo. In quel frangente ero più veloce, ma anche dopo essere stato informato dei cinque secondi di penalità di Seb, ho provato comunque a spingere fino alla fine. Come ho detto, erano troppo veloci sui rettilinei, come io lo ero nei tratti lenti, ma in generale non credo che sarebbe stato semplice provare e riuscire a piazzare un sorpasso“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (30344 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery