Atletica – Campionati italiani allievi: la sfida tra Besana-Iapichino infiamma Agropoli

Atletica, tricolori Allievi: il duello Besana-Iapichino infiamma Agropoli 

Sfide appassionanti e ancora risultati al top nella giornata finale dei Campionati italiani allievi ad Agropoli (Salerno). Nei 100 ostacoli Veronica Besana (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) si conferma in 13.49 (+0.4), miglior crono europeo under 18 dell’anno, al termine di uno splendido duello con Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) che cresce anche in questa gara con 13.55 malgrado un errore alla prima barriera, affrontata con la gamba sbagliata, dopo il clamoroso 6,64 di ieri nel lungo. Sui 400 metri Lorenzo Benati (Atl. Roma Acquacetosa) replica il titolo tricolore, con qualche brivido. Il campione europeo di categoria rallenta sull’ultimo rettilineo per un risentimento muscolare, ma riesce a mantenere il primo posto in 48.97. Si viaggia forte anche sui 110 ostacoli con Samuele Maffezzoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) che sorprende Lorenzo Simonelli (Esercito Sport & Giovani), 13.57 ventoso (+2.7) contro 13.61. Botta e risposta nel triplo: all’ultimo salto Mame Diarra Sow (Bergamo Stars) agguanta la vittoria a 13,05 (-0.1) davanti alla campionessa dell’eptathlon Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) che l’aveva superata con 12,93 (+1.4), terza e sesta italiana di sempre tra le allieve. Al maschile il 16enne Federico Morseletto (Studentesca Rieti Milardi) si porta a 15,22 (+1.3). Doppiette nel mezzofondo per la romana Livia Caldarini (Studentesca Rieti Milardi) e il triestino Niccolò Galimi (Atl. Malignani Libertas Udine), che conquistano i 1500 dopo le vittorie negli 800 metri di ieri. Fa il bis anche la lanciatrice Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi), al primo anno di categoria, padrona del disco con un altro record personale (41,71) a poche ore dal successo nel peso. Nell’intero weekend la manifestazione ha visto oltre 1500 presenze-gara tra i nati nel 2002 e 2003, considerando solo le prove individuali, oltre duemila se si aggiungono gli staffettisti. Il fine settimana dello stadio Guariglia, sulla pista che porta il nome di Pietro Mennea, è stato anche un banco di prova per i prossimi eventi internazionali: soprattutto il Festival olimpico della gioventù europea (Eyof) che dal 22 al 27 luglio si svolgerà a Baku, in Azerbaigian, ma per i migliori potrebbero aprirsi le porte degli Europei under 20 a Boras (Svezia, 18-21 luglio).