Javier Tebas, presidente della Liga spagnola ed European Leagues Board Member, ha parlato della funzione dell’ECA in modo abbastanza critico

La posizione dell’European Leagues sui programmi di Uefa ed Eca è già stata espressa pubblicamente. Non sembravano buone le modifiche apportate nel 2016, alcuni giorni prima dell’arrivo di Ceferin, sia nella forma che nella sostanza, e anche le modifiche adottate per il periodo 2021-2024 sembrano sbagliate, nella forma e nella sostanza. Poi a partire dal 2024 tutto quello di cui si è parlato “sotto” il tavolo tra i funzionari dell’Eca e della Uefa è terribile, e non si conoscono gli effetti che ci potrebbero essere sul calcio europeo“.

Fabio Ferrari/LaPresse

E’ l’opinione espressa da Javier Tebas, presidente della Liga spagnola ed European Leagues Board Member, in una intervista all’Adnkronos, a pochi giorni dall’incontro delle Leghe Europee a Madrid, sulla posizione che verrà presa nei confronti dell’Eca e della Uefa in particolare sull’ipotesi di una nuova Champions League. A Madrid saranno presenti molti club italiani, dovrebbero recarsi nella capitale spagnola 15-16 club della massima serie, e alcuni club di Serie B, grazie anche alla lungimiranza del numero uno della Lazio, Claudio Lotito, il primo a comprendere l’importanza di questo incontro. Inoltre è prevista la presenza dei vertici della Lega di A, del presidente Gaetano Miccichè e dell’ad Luigi De Siervo, in un primo tempo non convinti del successo dell’incontro, su temi che sono diventati di primaria importanza per tutte le Leghe Europee e che hanno coinvolto anche la politica italiana che ha fatto riferimento al sovranismo dei campionati locali, con il deputato Daniele Belotti, capogruppo della Lega in commissione Cultura e Sport, che ha presentato una mozione contro l’ipotesi che le gare dei campionati nazionali di calcio vengano spostate nei giorni infrasettimanali, perché occorre tutelare valore e interessi dei campionati delle varie serie nazionali. “E’ una grande notizia la presenza di molti club della Serie A e di altri campionati come quello spagnolo, francese, tedesco e inglese, in quanto dimostra che c’è preoccupazione per il tema e che l’Eca rappresenta solo l’elite e, a mio parere, è mal rappresentata perché le loro idee (che hanno, anche se ora dicono che sono solo “proposte”) a lungo termine sarebbero un disastro per loro stessi; lavorano senza il minimo rigore“, ha sottolineato deciso Tebas. (Riz/AdnKronos)