Brad Stevens
LaPresse/EFE

Brad Stevens, coach dei Boston Celtics, fa mea culpa dopo la sconfitta in Gara-5 contro i Milwaukee Bucks che è costata l’eliminazione dai Playoff NBA alla franchigia del Massachusetts

Gara-5 della semifinale di Conference fra Bucks e Celtics ha regalato il primo verdetto dei Playoff NBA 2019: Milwaukee è la prima finalista ad Est. Dopo aver perso Gara-1, la squadra guidata da Giannis Antetokounmpo ha messo in fila un poker di vittorie esaltanti, sbaragliando i Boston Celtics una gara dopo l’altra. Al termine di Gara-5, coach Brad Stevens ha voluto fare da scudo alla squadra assumendosi tutte le colpe della sconfitta: “penso di aver fatto un brutto lavoro. Se la squadra non riesce ad esprimersi al meglio la colpa è dell’allenatore. Quindi lavorerò molto per migliorare. So che non abbiamo atteso le aspettative e che abbiamo avuto una stagione da montagne russe. Ma credo, e l’ho detto ai ragazzi, che in più di una occasione hanno mostrato carattere per uscire dalle difficoltà e rimanere uniti. Non siamo riusciti a giocare assieme come avremmo voluto”.