AFP/LaPresse

Maverick Vinales esprime la sua soddisfazione per il terzo posto di Jerez: la Yamaha ha bisogno ancora di qualche miglioramento, ma il podio è come una vittoria viste le difficoltà passate sul circuito spagnolo

Maverick Vinales ha chiuso al terzo posto il Gp di Jerez. Il pilota spagnolo si è piazzato dietro Marquez e Rins, completando un podio tutto spagnolo. Vinales è riuscito a gestire bene le gomme, dettaglio che gli ha permesso di tenere dietro le Ducati nel finale di gara. Il pilota Yamaha, intervisto a Sky Sport, ha definito quasi una vittoria il terzo posto sulla pista di Jerez, nella quale ha fatto sempre fatica gli scorsi anni: “sono contento perchè partire bene per me significa che per la prossima gara avrò tanta confidenza sulla partenza. Abbiamo trovato un sistema con il quale mi sento molto molto meglio, però dobbiamo migliorare la moto. Quando ho fatto il primo e il secondo giro ho visto che il grip che aveva la moto era molto veloce, quindi ho deciso di risparmiare gomme e meno male, perchè alla fine la Ducati veniva molto veloce. È stato molto difficile tenere dietro Dovizioso perchè ho dovuto fare il mio miglior giro per 3-4 giri consecutivi. Però comunque la moto ha risposto bene, sappiamo dove migliorare. Siamo molto migliorati, soprattutto perchè qui a Jerez ho fatto tanta fatica, ho fatto sempre risultati normali. Questo podio è come una vittoria, dà tanta confidenza. Fermare la moto è ancora un punto debole? No, su questo sono molto contento perchè stavo staccando molto tardi e per questo non mi hanno passato Dovi e Petrucci. La trazione invece ci manca tanto in confronto ai nostri rivali. Se Quartararo ci ha fornito dati importanti sulla moto? Sicuramente, è stato molto bravo in questo weekend. Anche Franco è andato molto forte. È stata una gara molto strana, ho capito che sarebbe stato difficile arrivare alla fine con la gomma di dietro, dunque ho deciso di risparmiare per gli ultimi giri. Ho provato a fare il meglio, ma sulla Yamaha c’è tanto da migliorare. Spero che domani possiamo lavorare bene e non ci sia grip sulla pista“.