Valentino Rossi Uccio Salucci
LaPresse/Reuters

Uccio Salucci tra obiettivi e ambizioni: le parole del braccio destro di Valentino Rossi e ds della VR46

Non solo MotoGp: gli appassionati italiani delle due ruote amano anche seguire i campionati di Moto3 e Moto2, nei quali spiccano tanti giovani talenti della nostra terra. Dopo il dominio azzurro degli ultimi due anni, con le vittorie dei titoli di Moto2 di Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia, adesso sembra essere arrivato il momento di Lorenzo Baldassarri, anche se la stagione è ancora lunga e tosta.

Tanti sono i piloti italiani che sfrecciano in pista, da Luca Marini a Bezzecchi, e che vengono formati alla VR46 Academy. Proprio della crescita dei piccoli campioni ha parlato Alessio Salucci, braccio destro di Valentino Rossi e ds della VR46: “il 2018 per noi è stato fantastico, abbiamo raggiunto risultati incredibili con Pecco, Bezzecchi e gli altri e Luca Marini è cresciuto tanto. Ora però arriva la parte complicata, riconfermarsi. Possiamo contare però su un gruppo di lavoro sempre più unito e i piloti sono sempre gli stessi, quindi siamo pronti. Sia noi che la FMI inseguiamo lo stesso obiettivo, cercare e formare i giovani talenti italiani. Collaboriamo molto con la FMI, in particolare con Simone Folgori. Per quanto mi riguarda è importante venire ai collegiali per vedere da vicino i piccoli e capire chi potrebbe essere il talento del futuro e vedere che allenamento fanno perché il lavoro svolto a quell’età è quello che si porteranno dietro per anni”, ha affermato a Motitalia.

LaPresse/Alessandro La Rocca

Va sempre meglio con la Federmoto. La speranza è quella di riportare il motociclismo italiano al vertice. In generale l’obiettivo dell’Academy per il 2019 è quello di riprovare a ripetersi e se possibile migliorarsi anche se la vedo dura. Con Valentino, invece, l’obiettivo è sempre lo stesso, vincere il 10° titolo”, ha concluso Uccio.