LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

Roma, Antonio Mirante è stato convocato in Nazionale dopo l’ottima annata in giallorosso dopo il flop di Olsen

“I maggiori problemi della stagione sono stati la mancanza di continuità e gli infortuni. Abbiamo fallito il maggior obiettivo, peccato“. Lo dice il portiere della Roma, Antonio Mirante, all’indomani della conclusione del campionato che ha visto il giallorossi fallire l’ingresso in Champions League. “Ci dispiace perché a un certo punto della stagione abbiamo ricominciato a crederci -aggiunge il portiere giallorosso a margine dei Premi Ussi al Circolo Aniene-. Per arrivare quarti in classifica dovevamo avere più continuità di prestazioni e di risultati. Come ho detto prima, dispiace perché comunque la Roma è una di quelle squadre che deve sempre stare in Champions”. Mirante parla poi anche dell’emozionante addio di Daniele De Rossi: “È stata una cosa commovente per tutti noi. Una cosa che fa avvicinare ancora di più i tifosi al calcio. Penso che anche le altre tifoserie abbiano dimostrato a De Rossi tutta la stima e l’affetto. Non ha pianto? Ma credo sia crollato a casa. Nei giorni precedenti si intravedeva l’emozione e l’attesa di quello che poteva riservargli lo stadio, l’ha vissuta bene, noi un po’ meno, ci siamo commossi tutti, anche i giocatori del Parma e questo dimostra il calciatore e l’uomo che e’ stato De Rossi per il calcio italiano“. (Spr/AdnKronos)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE