gattuso
Spada/LaPresse

Milan vittorioso a Firenze, sogno Champions ancora vivo: Gattuso parla del momento della squadra, del rapporto con Bakayoko e dell’astinenza da gol di Piatek

Al Milan serviva una prestazione solida che portasse 3 punti e fiducia: lo 0-1 contro la Fiorentina ha rispettato le attese. Partita non brillante, ma utile ad alimentare il sogno Champions. Gattuso aveva chiesto una scossa alla sua squadra ed è stato accontentato. Intervistato nel post gara, l’allenatore del Milan ha commentato così la situazione rossonera: “la Fiorentina ti crea sempre problemi, con i giocatori veloci che si trova davanti. E nella ripresa abbiamo smesso di palleggiare e rischiato di subire il pareggio. Ma nessun giocatore mi ha tradito, oggi come in passato Champions? Mancano 6 punti, dobbiamo farli e ce la possiamo giocare. Da gennaio e fino a 20 giorni fa eravamo in Champions, abbiamo il rammarico per i punti persi, ma non possiamo certo smettere di crederci ora. Bakayoko? Ho tanti difetti e pochi pregi, ma io non porto rancore. Non perdono solo chi non rispetta il gruppo, a me possono anche mandarmi a quel paese, poi si risolve. La cosa più importante è l’Ac Milan, non Rino Gattuso. Piatek? Poteva attaccare meglio il primo palo in un paio di occasioni, ma se vinciamo e non fa gol lui, a me frega poco“.