mazzarri
LaPresse/Fabio Ferrari

L’allenatore del Torino, Walter Mazzarri, commenta con un po’ di rammarico il pareggio ottenuto contro la Juventus: granata puniti da Cristiano Ronaldo alla prima disattenzione

Il gol iniziale di Lukic aveva fatto accarezza al Torino non solo la gioia di vincere il derby, ma anche la possibilità di raggiungere la zona Champions. Il gol di Cristiano Ronaldo, arrivato a soli 6 minuti dalla fine, ha spento le fantasie dei tifosi granata. Pareggio tutto sommato positivo, ma che con sole 3 giornate al termine della Serie A, rischia di estromettere il Torino dalla zona Champions League.

Nel post partita Mazzarri appare piuttosto rammaricato: “il pareggio brucia, abbiamo assaporato la vittoria e la stavamo portando a casa. Purtroppo sull’1-0 abbiamo sbagliato diverse ripartenze importanti per chiudere la partita, magari con più qualità nell’ultimo passaggio potevamo fare bottino pieno. E se le partite contro la Juve non le chiudi poi loro in qualche modo ti puniscono. L’innesto di Aina? Volevo metterlo prima, eravamo a corto di uomini e Rincon era sofferente. Ho visto De Silvestri un po’ difficoltà sulla sua corsia e l’ingresso di Aina ci ha permesso di migliorare anche su quel versante. Peccato, l’unica disattenzione su CR7 ci è costata cara. Abbiamo concesso molto poco a una squadra come la Juve, dovevamo solo ottimizzare meglio le occasioni, ma ai ragazzi ho fatto i complimenti appena rientrato negli spogliatoi. Mi ha sorpreso in positivo anche Bremer. È stato eccezionale, si è sempre allenato bene, sembrava un veterano e il vero esordio per lui era oggi. Sarebbe stato perfetto senza quel gol preso da Ronaldo, magari opponendo più resistenza. Il quarto posto? Restano altre tre partite, pensiamo a dare tutto. Andranno giocate come contro Milan e Juve e poi tireremo le somme”.