Juventus, Massimiliano Allegri ed il messaggio al suo successore

Juventus, Massimiliano Allegri ha parlato nel day after del pareggio contro l’Atalanta di quello che sarà il prossimo tecnico bianconero

Consigli al mio successore? Non riesco a darli. Chi subentrerà al mio posto sulla panchina della Juventus avrà una società forte alle sue spalle che gli consentirà di proseguire un percorso vincente che è nel Dna della Juventus. Oggi eravamo accanto a Marcello Lippi a pranzo ed insieme abbiamo vinto dieci scudetti e quindi la Juventus continuerà a vincere perché lascio una squadra vincente e che ha ancora da vincere“. Lo ha detto l’ex allenatore della Juventus Massimiliano Allegri nel corso della cerimonia che lo ha visto entrare oggi nella Hall of Fame del calcio italiano, durante una cerimonia a Palazzo Vecchio a Firenze. “Sono felice di aver passato cinque anni straordinari, anche oggi ringrazio tutti, dal presidente fino magazziniere che sono stati importanti per me soprattutto per i successi. Solo chi ha valori, oltre a quelli tecnici, puo’ arrivare a certi risultati“, ha proseguito Allegri. “Credo che per raggiungere traguardi importanti nel calcio come nella vita serva coraggio, spensieratezza e non bisogna mai abbandonare l’incoscienza -ha affermato Allegri-. Quando si è grandi si diventa più saggi e si abbandona un po’ l’incoscienza mentre quest’ultima è l’irrazionalità giusta che ti serve per avere il giusto coraggio“.

Massimiliano Allegri lascerà in ricordo del suo ingresso nella Hall of Fame al Museo del Calcio di Coverciano un oggetto recentemente ricevuto: “Ho deciso di lasciare la medaglia dell’ultimo scudetto conquistato. E’ un onore entrare a far parte della storia del calcio italiano. Questo cimelio chiude cinque anni che è uno straordinario ciclo“. (Red-Xio/AdnKronos)