LaPresse

Vincenzo Nibali tra soddisfazione e sincerità: lo Squalo dello Stretto analizza la sua ottima prestazione nella cronometro di Bologna, ammettendo di aver vissuto qualche attimo di paura a causa della folla

Vincenzo Nibali è stato autore di un’ottima prestazione oggi nella cronometro d’apertura della 102ª edizione del Giro d’Italia. Lo Squalo dello Stretto, a poco più di un’ora dal termine della prima tappa della Corsa Rosa 2019, si trova al secondo posto della classifica provvisoria e solo Simon Yates potrebbe farlo scivolare di una posizione.

Massimo Paolone/LaPresse

Era una crono molto difficile ma conoscevamo molto bene il percorso. Una cron un po’ divisa in due parti, il tempo fatto segnare è stato buono, Roglic ha fatto un tempo veramente buono, ma degli uomini di classifica manca Yates, che partirà tra un poco“, ha affermato il capitano della Bahrain al termine della sua tappa ai microfoni Rai.

Marco Alpozzi/LaPresse

Non poteva mancare un commento sul fatto di aver segnato un tempo nettamente migliore di quello di Dumoulin: “Lopez è molto più scalatore ma Dumoulin magari oggi non ha fatto una prestazione super ma lo aspetto un po’ più avanti, vediamo, bisogna andare giorno dopo giorno, le cose possono cambiare sempre, si possono evolvere, magari oggi siamo andati bene, bisogna essere prudenti“.

Filippo Rubin//LaPresse

“Per uno sforzo così molto breve stavo bene, ho fatto un buon riscaldamento, le sensazioni erano molto buone stamani. Restiamo con i piedi per terra. E’ stato bello, ma per un momento ho avuto un attimo di paura, la folla diventava un imbuto davanti a me, ma la polizia stradale sta facendo un ottimo lavoro per le strade. Vedendo come sta pedalando e quello che ha fatto oggi, c’è da pensare che Roglic sarà uno degli avversari da battere, non bisogna mai abbassare la guardia“, ha concluso.