Formula 1 – Hamilton sincero: “Montecarlo circuito difficile ma bellissimo. Posso tornare a casa a cucinare, non ho uno chef!”

lewis hamilton photo4/Lapresse

Lewis Hamilton si gode il ‘contorno’ glamour di Montecarlo prima della gara: il pilota Mercedes vive nel Principato e scherza sul fatto di non avere uno chef e cucinare i suoi pasti da solo

Dopo la pole position ottenuta ieri al termine delle qualifiche, Lewis Hamilton potrebbe aver già ipotecato il successo nella gara di Montecarlo. Sul circuito del principato infatti, è complicato superare ed un pilota esperto e veloce come lui ha tutte le carte in regola per gestire il vantaggio. Il campione in carica però tiene alta la concentrazione in vista della gara, segno della sua rinomata mentalità vincente.

LaPresse

Intervistato prima della gara, Lewis Hamilton ha fatto il punto della situazione, scherzando poi sulla possibilità di tornare a casa (vive a Montecarlo, ndr) per cucinare: “è stato il culmine di una settimana molto impegnativa per tutti, il motivo è spiegato dai cappellini che indossiamo (con la scritta Niki, in omaggio a Niki Lauda, ndr). Sono contento di come le cose sono andate per noi. Sarà una gara difficilissima: si dice che il 95% del lavoro è stato fatto in qualifica però non è vero. Bisogna impegnarsi a fondo anche in gara, dobbiamo sempre stare attenti e cercare di ottenere questa storica doppietta. Sono entusiasta. Non vorrei però che questa giornata possa passare troppo velocemente perchè poi passerà un altro anno per tornare qui. Per un pilota è uno dei circuiti più difficili sui quali guidare: non impegnativo a livello fisico, ma a livello mentale è forse il più impegnativo in assoluto. Poi c’è la storia, il prestigio il lusso, tantissime persone vengono qua ben vestite, poi se c’è anche bel tempo è ancor più speciale. Poi qui è dove vivo, è la mia casa. Poter tornare a casa a mangiare, dormire, cucinarmi un piatto di pasta… io non ho uno chef, anche se molti  me lo chiedono, cucino da solo. Poterlo fare nel posto in cui vivo è ancora più speciale. Tutti con il cappellino rosso? Tutti amavamo Niki“.

Deciso a far bene anche Bottas che ieri si è visto sfilare la pole position nel finale: “mi sento meglio rispetto a ieri, ero deluso. So che superare è difficile, mi è già successo, cercherò di cogliere ogni eventuale opportunità e sono pronto per una buona gara, abbiamo un pacchetto forte come team“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17411 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery