lewis hamilton
Photo4 / LaPresse

Lewis Hamilton riesce perfettamente a dividersi fra vita mondana e vittorie in pista: come ci riesce lo spiega lo stesso pilota Mercedes

Lewis Hamilton è il più classico degli sportivi che puoi vedere domenica correre in pista e poco dopo ad un evento mondano fino a notte fonda. Ciò che lo differenzia da molti altri colleghi, anche di sport diversi, sono i risultati: la vita mondana di Lewis non influenza minimamente i suoi risultati in pista che sono sempre perfetti. Lo si può trovare al festevial musicale Coachella (in California), per poi ritrovarlo successivamente a Baku, un giorno a New York e quello dopo a Barcellona, in perfetta forma e fresco come una rosa. I 5 Mondiali vinti nonostante questo stile di vita sono una garanzia contro le critiche.

Photo4/LaPresse

La domanda dunque è una sola: come ci riesce? Intervistato da Motorsport il pilota Mercedes spiega: devi conoscere i tuoi limiti e trovare il giusto equilibrio. Sono stato a New York prima di arrivare qui (in Spagna, ndr), ieri mattina. Venerdì sera sono atterrato negli USA e tutti i miei amici erano fuori a festeggiare, ma sono andato a letto alle ventitré e sabato mattina mi sono allenato, come ho poi fatto anche domenica e lunedì. Poi martedì sera sono partito per essere qui a Barcellona ieri. Tutto sta nel cercare il proprio equilibrio, e credo di essere abbastanza esperto da sapere come prepararmi nell’arco delle settimane. Coachella è stato in un weekend libero, e ci sono andato con alcuni amici. Ho stretto un bel legame con un gruppo di persone e siamo stati insieme nel weekend. Lo scorso fine settimana sono invece andato a New York, sono stato con Tommy (Hilfiger) ed è stato un vero privilegio essere stato invitato al Met Gala, un evento a cui sono ammesse solo poche persone. Andarci con Tommy è stato fantastico, così come essere coinvolti nel design del mio vestito. È stato accolto bene nel settore della moda, un aspetto importante. Tutto ciò distoglie la mia attenzione? No, mi dà energia. Ho un obiettivo dentro le corse e un altro fuori, e sono felice”.