MARIO BARTOWIAK

Già a partire dal prossimo anno, la pista di Zandvoor ospiterà il Gran Premio d’Olanda che manca in calendario dal 1985

La Formula 1 torna in Olanda dopo 35 anni, nel 2020 infatti ci sarà in calendario un Gran Premio sulla pista di Zandvoort. L’accordo è stato raggiunto tra la Formula 1 e gli organizzatori della gara olandese, rappresentati da un consorzio formato da SportVibes, TIG Sports e il Circuito di Zandvoort.

Carey
Photo4/LaPresse

Il title sponsor dell’evento sara Heineken, che darà dunque anche il nome all’evento. Nei prossimi mesi inizieranno gli importanti lavori di ammodernamento del circuito, essenziali per permettere l’arrivo delle monoposto di Formula 1 nei Paesi Bassi. Quella del 2020 sarà la 31ª edizione del Gran Premio d’Olanda, scomparso dai radar nel 1985 per tornarci a partire dalla prossima stagione. Grande la felicità di Chase Carey per questo accordo: “siamo orgogliosi di annunciare il ritorno in F1 del Gran Premio d’Olanda e di ZandvoorSin dal nostro approdo in F1 abbiamo detto di voler aumentare le gare e introdurne di nuove nel nostro calendario, che rispettassero però la storia di questo sport in Europa. Nelle ultime stagioni abbiamo visto un incremento dell’interesse della Formula 1 in Olanda grazie al talento di Max Verstappen. Abbiamo visto fiumi di tifosi orange a tantissime gare. Non abbiamo dubbi che il GP del prossimo anno l’arancione possa essere il colore dominante sulle tribune“.

AFP/LaPresse

Soddisfatto anche Jean Todt: “sono grato per il grande lavoro fatto dalla F1 per riportare la massima categoria a ruote scoperte del motorsport in Olanda. Siamo certi che ci sarà un grande numero di appassionati che accorrerà a Zandvoort per assistere al Gran Premio. Ci sono tanti lavori che dovranno essere fatti sul tracciato per renderlo idoneo a ospitare un evento di Formula 1, perché gli standard richiesti sono alti. Lavoreremo duramente e assieme con la F1 e i partner del GP d’Olanda per fare in modo di essere pronti per la prossima stagione“.