Ecclestone
AFP PHOTO / ANDREJ ISAKOVIC

L’ex boss della Formula 1 ha parlato del momento che vive la Formula 1, soffermandosi su Hamilton e Leclerc

Bernie Ecclestone ha lasciato il ponte di comando della Formula 1, ma continua a viverla da vicino respirando l’aria del paddock. L’ex boss del circus si è presentato anche a Baku per il quarto appuntamento del Mondiale di Formula 1, guardando da vicino la vittoria di Bottas su Hamilton e Vettel.

vettel
photo4/Lapresse

Intervistato da ‘La Stampa’, il britannico ha espresso poi il proprio pensiero sul Mondiale 2019: “avremmo bisogno di almeno tre team in grado di vincere, servirebbe la Ferrari al vertice. La gente vuole vedere corse, non gestioni di motori e carburante. Fossi ancora il proprietario sarei preoccupato dall’evoluzione della Formula E, può avere margini di crescita enormi. VettelÈ il mio pilota preferito. È un bravo ragazzo, ultimamente un po’ sfortunato, forse non si aspettava che Leclerc fosse così veloce sulla Ferrari. Non è ancora vecchio e lì è ancora felice, cercherà di mantenere le gerarchie all’interno del team che ragiona per il bene della squadra. Penso che possa farcela, lo credo e lo spero. Hamilton? E’ speciale, una persona speciale prima ancora che un pilota speciale. Pensavo che questa stagione potesse non essere buona per lui, con tutti gli interessi che ha, la Formula 1 sembra quasi un hobby. Eppure resta veloce anche se in testa al campionato c’è Bottas“.