Antonio Conte Barcellona Chelsea
LaPresse / AFP PHOTO / Josep LAGO

L’allenatore pugliese ha parlato del suo futuro, svelando quelle che sono le sue richieste per poter dire sì ad un progetto

Il periodo di riposo potrebbe essere arrivato al capolinea, sono molte le squadre che seguono Antonio Conte, allenatore ambito ma attualmente fermo. L’ex Chelsea è alla ricerca di un nuovo progetto da sposare, ma la condizione per farlo è chiara: avere la possibilità di vincere.

Antonio Conte
Conte – LaPresse/PA

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Conte ha messo in chiaro alcuni concetti, partendo dall’addio alla Juventus: “i matrimoni, per esserci, devono essere da ambedue le parti. Quando lasciai ero arrivato al culmine della mia esperienza in bianconero, non avevo più nulla da dare. Tornarci? Penso che la Juve abbia iniziato un percorso e penso che siano molto contenti di Allegri, che sicuramente ha continuato il lavoro e sta facendo molto bene. Un domani non si sa mai. La Roma? Mi sono innamorato di Roma frequentandola nei due anni in cui sono stato ct della Nazionale. All’Olimpico senti la passione da parte di questo popolo che vive il calcio con un’intensità particolare, che per la Roma va fuori di testa. Che vive ‘per la Roma’. Un ambiente molto passionale, che ti avvolge. Oggi le condizioni non ci sono ma penso che un giorno, prima o poi, io andrò ad allenare la Roma. Vale per qualsiasi squadra, devo avere la percezione di poter battere chiunque. Devo sentire che vincere è possibile. Altrimenti, senza problemi, posso continuare a stare fermo“.