Antonio Conte
Conte - LaPresse/PA

L’attesa è finita: Antonio Conte è il nuovo allenatore dell’Inter. La conferma arriva direttamente dal sito del club nerazzzurro: ecco il comunicato ufficiale

Antonio Conte era già sbarcato a Milano da qualche giorno, per diventare a tutti gli effetti allenatore dell’Inter serviva solo l’ufficialità.

 

Antonio Conte Barcellona Chelsea
LaPresse / AFP PHOTO / Josep LAGO

L’esonero di Luciano Spalletti è stato il primo passo, il secondo era l’annuncio ufficiale del club. Anche il secondo step si è appena completato, nelle prime ore del giorno in Italia, orario strategico per il mercato cinese (la proprietà dell’Inter è cinese, ndr) con la notizia che verrà trasmessa in tutti i tg della mattina: Antonio Conte è ufficialmente il nuovo allenatore dell’Inter. L’ex CT della Nazionale dovrebbe guadagnare, secondo la ‘Rosea’, 9 milioni l’anno più bonus nei suoi tre anni di contratto.

Ecco il comunicato del club nerazzurro che ufficializza Antonio Conte come nuovo allenatore dell’Inter:

MILANO – Sono i gesti, gli sguardi, i dettagli, a definire Antonio Conte. Una vita dedicata al calcio, fin da piccolo. Appassionato e innamorato del pallone al punto da farlo diventare l’obiettivo da perseguire – diventando calciatore – e anche il mezzo migliore per potersi esprimere, per lasciare un segno. In campo e in panchina.

Determinato e ambizioso, Antonio Conte inizia il suo viaggio con l’Inter: due entità con lo stesso obiettivo, lo stesso orizzonte, quello della vittoria. Testa, cuore e gambe sono le parole chiave della carriera di Conte, nato a Lecce il 31 luglio 1969.

Testa: come le idee chiare che ha sempre avuto sul terreno di gioco, quando giocava come centrocampista e i suoi allenatori erano certi che avrebbe proseguito la carriera vestendo i panni del mister.

Cuore: come quello che ha messo e mette in ogni sua avventura, alimentando sempre nei compagni e nei suoi giocatori un senso di appartenenza necessario a raggiungere gli obiettivi più importanti.

Gambe: quelle per lavorare con intensità durante gli allenamenti e i match, da vivere tutti al massimo.

Lavoro e sudore, unità d’intenti e identità. Come quelli della Nazionale azzurra agli Europei 2016. L’Italia di Conte, eliminata ai calci di rigore dalla Germania, emozionò e compattò un’intera nazione. E anche all’estero ha lasciato la sua impronta, vincendo alla prima stagione la Premier League.

Ora la sfida di Antonio Conte è la stessa di tutto il mondo nerazzurro: continuare a correre, per riportare l’Inter nell’elite del calcio europeo.

Sono sicuro che Antonio Conte sia uno dei migliori allenatori che esistano – ha dichiarato il Presidente nerazzurro Steven Zhang -. Sono certo che ci aiuterà a raggiungere il nostro obiettivo, a realizzare la nostra missione che è sempre la stessa: riportare questo club tra i migliori al mondo‘.

Inizia un nuovo capitolo della mia vita, sono entusiasta – ha commentato Antonio Conte, nuovo tecnico dell’Inter -. Cercherò con il lavoro di ricambiare tutta la fiducia che il Presidente e i dirigenti hanno riposto in me. Ho scelto l’Inter per la Società, per la serietà e l’ambizione del progetto. Per la sua storia. Mi ha colpito la chiarezza del Club e la voglia di riportare l’Inter dove merita“.

#WelcomeAntonio!

Antonio Conte avrà a disposizione, in qualità di vice, il fratello Gianluca, sempre presente nel suo staff dai tempi del Bari con il ruolo di analizzare le squadre avversarie. Faranno parte dello staff tecnico anche Paolo Vanoli e Cristian Stellini, mentre Julio Tous e Costantino Coratti si occuperanno della preparazione fisica (resta da individuare un capo-preparatore). Tiberio Ancora sarà il nutrizionista. Il rulo di preparatore dei portieri sarà affidato ad Adriano Bonaiuti, mentre in società tornerà anche una figura storica come Oriali.