Lapresse

Il ramadan potrebbe condizionare le prestazioni di alcuni calciatori impegnati nelle prossime ore in Champions ed in Serie A

Arriva il mese del ramadan per i fedeli musulmani e come sempre per quanto concerne gli sportivi si apre un periodo decisamente complesso. Non ingerire nè solidi, nè liquidi dall’alba al tramonto non è certamente una pratica favorevole per chi deve praticare sport ad alto livello. Molti club dovranno far fronte a questo problema non da poco. Per quanto concerne le gare giocate alle 15 il digiuno è abbastanza breve, ma per chi deve giocare in serata la situazione è ben più seria. Non ingerire nulla per l’intera giornata potrebbe provocare anche svenimenti e di certo debilitare i calciatori come avvenuto con Muntari in una gara dell’Inter di tanti anni fa quando fu costretto a chiedere il cambio dopo pochi minuti di gioco.

Spada/LaPresse

L’Ajax questa sera avrà le prime gatte da pelare. Ziyech e Noussair Mazraoi hanno dichiarato di voler osservare il digiuno, ma il tramonto ad Amsterdam arriverà alle 21,16 un quarto d’ora dopo dell’inizio della gara ed i due calciatori saranno digiuni sin dalla notte precedente. Insomma, un bel punto interrogativo in merito alla loro presenza da titolari. Stessa incognita c’è per i milanisti Calhanoglu e Bakayoko che giocheranno sabato sera a Firenze. Cosa deciderà di fare Gattuso? Discorso identico vale per Asamoah, Emre Can e tanti altri calciatori del nostro campionato.