smartphone

Contrastare la distrazione al volante provocata dall’uso dello smartphone è un dovere di cui si stanno prendendo carico anche i colossi della telefonia mobile

L’uso dello smartphone al volante è una delle pratiche più pericolose che si possono fare perché è una delle principali cause di distrazione che provocano incidenti mortali sulle nostre strade. La soluzione ideale sarebbe ovviamente mettere il silenzioso o addirittura spegnere il terminale, appunto per evitare pericolose distrazioni e non infrangere il Codice della strada.

Secondo i dati diffusi dalla Polizia Stradale che ben 32.000 incidenti ( il 16,2% del totale) sono stati provocati dalla distrazione provocata dall’uso dello smartphone al volante, cosa che ha provocato un aumento degli incidenti mortali dell’1,4%, pari a 1.569, ,mentre le vittime sono state 1.710, ovvero il 2,2% in più.

Purtroppo sappiamo bene che una cosa del genere è davvero difficile se non addirittura impossibile, allora quello che ci rimane da fare è un uso consapevole dello smartphone mentre siamo alla guida, ovvero utilizzare cuffie o vivavoce e se possibile limitarne al massimo l’utilizzo.

Anche i colossi della telefonia come Samsung e Apple potrebbero fare qualcosa per cercare di contrastare questo fenomeno, infatti proprio il CEO di quest’ultima azienda, ovvero Tim Cook, ha consigliato ai suoi utenti una soluzione che potrebbe salvare molte vite sulle nostre strade.

Il numero uno di Apple, in occasione del al summit Time 100 di New York che si è svolto lo scorso 23 aprile, ha consigliato di disattivare le notifiche in tempo reale sul proprio telefono cellulare per avere meno distrazioni. Si tratta di una dichiarazione coraggiosa fatto da un super manager che ha come principale obbiettivo quello di vendere milioni di smartphone in tutto il mondo.

La Apple in realtà ha fatto molto di più che elargire un semplice consiglio: nell’ultima versione del sistema operativo iOs di Apple esiste una funzione che attiva automaticamente la modalità non disturbare al telefonino quando capisce – grazie ad un algoritmo -che il suo proprietario potrebbe essere alla guida. Sembra scontato dirlo, ma ricevere meno notifiche equivale a meno distrazioni che proprio durante la guida potrebbero risultare fatali.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE