LaPresse/REUTERS

Dopo l’espulsione rimediata in Gara-1 della semifinale di Conference, Chris Paul è stato multato per una somma di 35.000 dollari: scongiurata l’ipotesi sospensione

Finale incandescente in Gara-1 della semifinale di Conference fra Houston Rockets e Golden State Warriors. La franchgia texana ha avuto la palla del 103 pari a pochi secondi dalla fine, ma la tripla di James Harden è stata sputata fuori dal ferro. Il pallone è finito fra le mani di Chris Paul che nella fretta di servire Eric Gordon non si è accorto che il compagno avesse il piede fuori dal campo. Né è risultata una normale chiamata arbitrale che ha consegnato la palla e la partita agli Warriors. Chris Paul ha dunque inveito contro l’arbitro, beccandosi il secondo tecnico della serata e l’espulsione che sarebbe potuta costargli addirittura una sospensione per Gara-2. Pericolo fortunatamente scongiurato per i Rockets, visto che l’ex playmaker dei Clippers ha ricevuto solo una multa da 35.000 dollari.