LaPresse/Reuters

Gli Warriors battono 104-100 i Rockets. Durant e James Harden segnano 35 punti a testa, ma nel finale il ‘Barba’ ha l’opportunità di pareggiare la gara con una tripla sputata fuori dal ferro, prima che Curry segni il libero conclusivo

La partita più attesa fra le quattro semifinali di Conference, il big match dell’Ovest fra Golden State Warriors e Houston Rockets. Le due squadre più accreditate per la vittoria dell’anello, se non altro perché da una parte ci sono i due volte campioni in carica, dall’altra l’unica squadra seriamente in grado di poterli impensierire già dalla scorsa stagione. Gara-1 va a Golden State che maniente il fattore campo e si impone 104 a 100 grazie ai 35 punti del solito Kevin Durant. Stesse cifre per James Harden che ha fra le mani la palla del 103 pari, ma la sua tripla viene sputata fuori dal ferro, prima che Steph Curry segni il tiro libero (ottenuto dopo l’espulsione di Chirs Paul) che mette in ghiaccio la partita. Tutto rimandato a Gara-2 per una serie combattuta e più viva che mai.