Fabio Ferrari/LaPresse

Il corridore dell’Astana ha parlato della sua vittoria alla Liegi, ammettendo di essere stato ‘protetto’ da Michele Scarponi

Una vittoria fantastica, arrivata nel momento migliore della carriera di Jakob Fuglsang. Il corridore dell’Astana non si è lasciato sfuggire l’occasione di piazzare la propria zampata nella Liegi-Bastogne-Liegi, involandosi verso il successo senza lasciare scampo ai propri avversari.

Fabio Ferrari/LaPresse

Emozioni forti per il danese, che ha espresso la propria felicità ricordando anche… Michele Scarponi: “una sensazione fantastica, questa settimana per me era un grande obiettivo e chiudere con una vittoria in una corsa così importante è davvero straordinario. Non so perché è arrivata così tardi, forse prima dovevo crescere, ma quest’anno tutto sembra essere al posto giusto. Finalmente le cose combaciano. C’è voluto tempo, ma ora spero di avere altri due o tre anni per godermela a pieno. Prima della discesa verso la Redoute ero a ruota di Luis Leon Sanchez e Julian Alaphilippe era a ruota dei suoi. Ho guardato come stava, mi ha guardato anche lui e mi ha detto ‘spero che oggi vinca tu‘. Penso che sapesse di non essere al meglio per il meteo. Quando sono partito sulla Roche aux Faucons mi sono detto “o vado a vincere o ‘muoio”. O la va o la spacca, magari Michele Scarponi da lassù mi ha guardato e mi ha protetto“.