LaPresse/Reuters

Kevin Durant ha giocato una serie sontuosa contro i Clippers, l’inizio in sordina è stato abbondantemente compensato dall’esplosione negli ultimi atti

Kevin Durant ha vissuto una serie da favola contro i Clippers. Eppure l’inizio con i suoi Warriors è stato abbastanza in sordina. 21 e 23 punti nei primi due atti della serie nei quali Patrick Beverley lo ha fatto alquanto innervosire. Stuzzicare il can che dorme però non è stata una buona idea, non lo è mai quando si ha a che fare con campioni del calibro di Durant. Farlo arrabbiare ha causato un effetto domino che i Clippers hanno pagato a caro prezzo. Il buon Kevin si è letteralmente scatenato da gara-3 in poi, sino alla sontuosa gara-6 di questa notte nella quale ha dominato in lungo ed in largo. I suoi numeri dopo l’inizio silente sono tutti da guardare:

38 punti con 14/23 dal campo
33 punti con 12/21 dal campo
45 punti con 14/26 dal campo
50 punti con 15/26 dal campo

Le percentuali di Kevin Durant fanno davvero paura, ma credeteci, non dicono tutto del relativamente al dominio che sopratutto questa notte l’ala degli Warriors ha avuto sulla serie. Dunque titoli di coda su Clippers-Warriors, per buona pace del povero Beverley, il quale le ha provate davvero tutte per sedare l’attaccante più straripante della lega. Forse però farlo arrabbiare non è la strada giusta, da questa serie dovranno prendere spunto i Rockets per le prossime gare di secondo turno.