vettel
photo4/Lapresse

Un Sebastian Vettel sincero e sicuro di sè oggi in conferenza stampa a Baku: le parole del tedesco della Ferrari alla vigilia del Gp d’Azerbaijan

E’ tutto pronto a Baku per il quarto appuntamento della stagione 2019 di Formula 1: i piloti hanno già effettuato la loro ricognizione in pista in vista di salire finalmente a bordo delle loro monoposto domani per le prime sessioni di prove libere.

vettel
photo4/Lapresse

A Baku la Ferrari ha portato delle importanti novità che potrebbero permettere a Vettel e Leclerc di lottare con le Mercedes e puntare alla tanto desiderata vittoria: “non abbiamo ridotto le prestazioni, non abbiamo potuto prevedere il problema che si è verificato sulla macchina di Leclerc, so che ad alcuni piace dire che questa sarà la gara della svolta, ma in realtà abbiamo ancora moltissime gare davanti, e non vedo un momento determinante. Vogliamo vincere, ed è ciò che proviamo a fare in ogni weekend di gara, abbiamo un pacchetto competitivo e sono fiducioso che presto riusciremo a farcela. Di sicuro sappiamo che se faremo altre 18 gare come le tre precedenti, allora sarà troppo tardi per cambiare rotta, ne siamo consapevoli, ma ciò non significa che questo weekend sia il momento cruciale. Ogni giorno è importante, ogni venerdì, ogni sabato, ogni domenica, anche i giorni che non siamo in pista, quando in fabbrica si lavora per gli sviluppi“, ha dichiarato il tedesco della Ferrari in conferenza stampa.

vettel
photo4/Lapresse

Non poteva mancare un commento sulle reazioni di Leclerc nei team radio: “non è questione di età. Quando si ascolta dall’esterno un team-radio non ci si immedesima nello stato mentale in cui un pilota parla, non siamo seduti su un divano ma in una monoposto che si prova a spingere al massimo possibile. Questo sport è la nostra passione, la nostra vita, e penso che sia normale che tutto sia un po’ eccitato: vogliamo tutti vincere, ed è un buon segno quando un pilota è molto determinato a farlo. Se in un team-radio sembrassi molto rilassato probabilmente vi chiedereste se mi interessa davvero vincere”.

Vettel ha successivamente mostrato una grande fiducia in se stesso, rispondendo con sicurezza alla domanda “credi di poter battere Lewis e Charles?”: “ho l’assoluta convinzione di poter essere campione del mondo, per rispondere alla tua domanda”.

photo4/Lapresse

Infine Vettel ha svelato il significato della sua affermazione “sappiamo perchè l’abbiamo persa“, riferita alla pole position in Cina: “abbiamo visto la direzione del vento cambiare, una variazione che mi ha aiutato nella prima parte della pista ma mi ha ostacolato nella seconda. Ho perso un sacco di tempo lungo il rettilineo, ma alla fine è stata una situazione uguale per tutti. Dopo le qualifiche ho controllato, ed in effetti ho perso circa due decimi lungo il rettilineo, solo che in macchina ho pensato di essere stato solo io ad essere penalizzato, ma forse anche altri piloti hanno pagato in quel frangente”.