Paolo Scaroni
LaPresse/Roberto Monaldo

Il presidente del Milan ha parlato dopo la sconfitta subita contro il Torino, soffermandosi su Gattuso e sulla corsa Champions

La sconfitta contro il Torino complica maledettamente le cose per il Milan, il club rossonero si trova adesso staccato di due punti dalla zona Champions League, in attesa che giochi questa sera l’Atalanta.

Fabio Ferrari/LaPresse

Il presidente Scaroni ha parlato a Radio Anch’io lo Sport della situazione che sta vivendo il club, sottolineando come l’eventuale fallimento del quarto posto potrebbe comportare gravi conseguenze economiche: “senza Champions League ci sarebbe un impatto economico evidente e immediato, rallentando i nostri obiettivi. Sulla posizione dell’allenatore lascio che ad esprimersi sia la nostra direzione tecnico-sportiva fatta da Leonardo e Maldini. Non giochiamo a buoni livelli da un paio di mesi, c’è stato un calo di forma. L’obiettivo della Champions si è allontanato ma noi continuiamo a fare del nostro meglio. Il nostro è un progetto a medio-lungo termine, il quarto posto non era stato inserito nel budget previsto in questa stagione e sarebbe una sorpresa positiva. Certo, ci avevamo fatto la bocca e ora siamo delusi. Cori Bakayoko-Kessié? Ho un filmato, che ho inviato al Coni, con 32 episodi di razzismo verificatisi contro la Lazio: se si voleva andare a cercare l’episodio si trovava: non dico di interrompere definitivamente la partita ma almeno per qualche minuto. Dobbiamo copiare dall’Inghilterra che nel calcio è 10 anni avanti a noi”.