benzina

La Codacons non ha dubbi, nelle prossime settimane dovrebbe esserci una brusca impennata dei costi del carburante

Codacons lancia l’allarme, “Il tasso di inflazione potrebbe subire uno scossone nelle prossime settimane a causa dell’andamento al rialzo dei listini dei carburanti registrato nell’ultimo periodo”. l’associazione dei consumatori prevede una maggiore spesa annua da +390 euro per famiglia e stima l’aumento dell’inflazione dell’1%.

il Fondatore e Presidente del Codacons l’avvocato Carlo Rienzi dichiara: “A marzo l’Istat segnala un incremento del gasolio del +5,3% su anno mentre la benzina è salita addirittura del +2,4% su base mensile, numeri che rischiano di riflettersi sui prossimi dati relativi all’inflazione, in quanto l’aumento dei costi di trasporto provoca, come noto, un rincaro generalizzato dei listini al dettaglio per una moltitudine di prodotti che viaggiano su gomma”. Per questo “ci aspettiamo un rialzo del tasso di inflazione causato dal caro-carburante che sta interessando nell’ultimo periodo il nostro Paese, e che provocherà una nuova stangata per le tasche dei consumatori”.

Si arriverà anche da noi alla rivolta dei Gilet gialli come accaduto in Francia?