Atletica – Gare e test a Grosseto verso le World Relays di Yokohama: alla prova gli staffettisti

SportFair

Giovedì 18 aprile la prova di efficienza per alcuni degli staffettisti che potrebbero essere convocati per le World Relays (11-12 maggio), evento che qualifica per i Mondiali di Doha

Grosseto, Acquacetosa e poi Yokohama. È sempre più vicina la data delle World Relays in Giappone (11-12 maggio), i Mondiali di staffette che mettono in palio la qualificazione per i Mondiali di Doha. Giovedì 18 aprile, sulla pista dello stadio Zecchini di Grosseto, alcuni degli staffettisti che potrebbero essere convocati per l’evento iridato di maggio saranno chiamati a una gara-test, utile per fornire indicazioni sul loro attuale stato di efficienza. Nei 400 donne (alle 15.30) andranno sui blocchi le azzurre di bronzo agli Euroindoor di Glasgow nella 4×400 Chiara Bazzoni (Esercito) e Marta Milani (Esercito), con Rebecca Borga (Fiamme Gialle), Elisabetta Vandi (Avis Macerata), Virginia Troiani (Cus Pro Patria Milano) e Aurora Casagrande Montesi (Cus Parma). A seguire, alle 16.20, scatterà la prova maschile dei 400 con Vladimir Aceti (Fiamme Gialle), Daniele Corsa (Fiamme Oro), Giuseppe Leonardi (Carabinieri), Edoardo Scotti (Carabinieri), Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle) e Michele Tricca (Fiamme Gialle). A chiudere il programma del test – che avrà luogo durante il maxi-raduno giovanile al via mercoledì 17 aprile – sarà la prova femminile dei 100 (alle 16.35) con Alessia Carpinteri (Cus Catania), Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre), Chiara Melon (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) e Alessia Pavese (Atl. Brescia 1950 Ispa Group). A causa di problemi fisici o ritardo di condizione, non potranno partecipare alla gara di Grosseto Mattia Casarico, Petra Nardelli, Giulia Riva e Maria Enrica Spacca. Nella prossima settimana, dal giorno di Pasquetta, inizierà il secondo raduno di avvicinamento a Yokohama dopo quello di fine marzo a Formia, stavolta in programma a Roma sulla rinnovata pista del Paolo Rosi.

IL MECCANISMO – Yokohama qualifica per Doha. E Doha, a sua volta, promuove direttamente per i Giochi di Tokyo (le prime otto). Alle World Relays l’Italia parteciperà con cinque staffette: le due 4×100, le due 4×400 e la 4×400 mista che per la prima volta assegnerà anche medaglie mondiali in Qatar e poi olimpiche a Tokyo. Da Yokohama si qualificano direttamente per Doha dieci 4×100 (le otto finaliste più i due migliori tempi delle batterie), dieci 4×400 (le prime otto classificate più due ripescate dalla finale B, salvo maggiori ripescaggi per eventuali mancate partenze, mancati arrivi o squalifiche nella finale A) e dodici 4×400 miste, per le quali non c’è finale B e conta soltanto il tempo della batteria.