Coppa Italia, Juventus allegri
AFP/LaPresse

Massimiliano Allegri è il ‘regista’ dietro l’impresa della Juventus. Al termine del match, l’allenatore bianconero si toglie, con ironia, qualche sassolino dalla scarpa

La vittoria della Juventus, che ribalta il 2-0 dell’andata e supera 3-0 l’Atletico Madrid all’Allianz Stadium, sa di impresa. La firma sulla vittoria ce la mette anche Massimiliano Allegri, il regista dietro il grande successo dei bianconeri.

allegri
AFP/LaPresse

Intervistato nel post gara ai microfoni di Sky Sport, l’allenatore della Juventus si toglie qualche sassolino dalla scarpa, con la solita ironia che lo contraddistingu: “patente? (da allenatore, ndr) Ho 52 anni, son più di 30 anni che ce l’ho (di guida, ndr). Anche dei camion. Andavo al porto a lavorare con mio padre se non giocavo a calcio. Ho cazzeggiato con il pallone, poi ho fatto il serio. Ho fatto una carriera divertente, poi l’allenatore. I ragazzi hanno giocato una partita di ottima velocità tecnica, aggressione alta. Ci pensavo dall’andata, ci ho ripensato e abbiamo giocato meno aggressivi sfruttando poco l’ampiezza. E’ stata una gara lucida e fredda, il rischio era quello di una gara nevrotica per ribaltarla subito dopo l’attesa.

massimiliano allegri
LaPresse

Ho detto ai ragazzi che c’erano anche 120 minuti, di giocare con equilibrio. L’anno scorso uscimmo per una punizione di Dybala uscita di un nulla e il presunto rigore su Cuadrado. E immaginavo andasse così. Ho cercato uomini e situazioni giuste per aprire il gioco. Tutti hanno fatto una bella partita, i ragazzi hanno mostrato maturità. Serviva la prestazione per passare il turno. Bernaredeschi? Federico ha fatto una bella partita, è un passo in avanti sul piano del gioco e consapevolezza. […] All’andata volevo fare una gara diversa, fu una gara nella quale uscimmo dal campo dopo la loro traversa difendendo male, giocando lento e poco davanti, molto in gestione. Fattore C? È importante. Conta la soddisfazione dei tifosi, della società, dei giocatori… Ora facciamo punti per la meta in campionato, poi penseremo alla Champions. Complimenti Buffon? Ringraziamo Gigi, ha fatto la storia della Juventus. Mi è spiaciuto per come è uscito, cercheremo di arrivare in fondo anche per lui“.