simone inzaghi
ALFREDO FALCONE

Simone Inzaghi sa bene quale sia l’importanza di Inter-Lazio, incontro fondamentale per le velleità di Champions League dei capitolini

La gara di domani sarà sicuramente molto importante per la classifica, per la nostra prestazione visto che siamo reduci da un ottimo momento. Avremo a disposizione altre dieci partite, ma il match di domani sarà molto importante. Servirà una delle migliori Lazio che ultimamente abbiamo visto: dobbiamo dare continuità alle ultime prove. Dobbiamo ricordarci della prova offerta contro l’Inter in Coppa Italia, ma anche della brutta partita disputata contro i nerazzurri nel girone di andata“. L’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, è pronto al match di San Siro contro l’Inter dove i biancocelesti affronteranno una diretta rivale alla corsa per un posto Champions. “Sappiamo che abbiamo cinque squadre davanti a noi che sono state costruite con grandi obiettivi: in questi tre anni ce la siamo sempre giocata alla pari –prosegue il tecnico-. Nel girone di andata abbiamo avuto problemi negli scontri diretti, ultimamente li abbiamo disputati meglio. Siamo sempre stati all’altezza di squadre costruite meglio sulla carta. Con il sacrificio e con l’aiuto di ogni componente della rosa ce la siamo sempre giocata al meglio”. “La Lazio è una squadra fortissima che se l’è sempre giocata al meglio: alla vigilia del campionato, però, l’Inter era considerata come l’anti-Juventus. Abbiamo qualche punto di ritardo, ma siamo pronti a disputare nel migliore dei modi le ultime giornate di campionato –spiega Inzaghi-. Dobbiamo dare continuità alle ultime prestazioni che ci hanno aiutati a migliorare la nostra classifica, ma siamo ancora in ritardo dopo le defezioni che abbiamo sofferto nei mesi di gennaio e febbraio”.

LaPresse / Marco BERTORELLO / AFP

Dall’altra parte della barricata la Lazio ritroverà Keita, De Vrij e Candreva. “Conosciamo tutti molto bene Keita: è un giocatore di grande qualità, può giocare da prima punta e da esterno, è molto duttile. Domani potrebbe giocare come centravanti, lo rivedrò con piacere come Candreva. Per noi cambierà poco, a prescindere dalle individualità avversarie; dovremo pensare solo al nostro atteggiamento che dovrà essere propositivo affrontando una grande squadra in un grande stadio”. “De Vrij si è infortunato e sarà sicuramente dispiaciuto, gli sarebbe piaciuto misurarsi con la sua ex squadra e con i suoi ex compagni -conclude-. Anche le squadre che ci inseguono in classifica stanno ottenendo ottimi risultati, secondo me la corsa per l’Europa sarà aperta fino alla fine“. (Int/AdnKronos)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE