brignone
AFP/LaPresse

Sci, gigante femminile: Petra Vlhova ha vinto la gara di Spindleruv Mlyn davanti alla Rebensburg ed la statunitense Mikaela Shiffrin

La ceca Petra Vlhova ha vinto lo slalom gigante femminile di Spindleruv Mlyn. La campionessa, con il sesto tempo di manche, ha preceduto la tedesca Viktoria Rebensburg e la statunitense Mikaela Shiffrin. Peccato per l’azzurra Federica Brignone che ha chiuso al quarto posto dopo il terzo della prima manche. Undicesima Marta Bassino, 29esima Francesca Marsaglia.

sci alpino olimpiadi invernali 2018
AFP/LaPresse

Il ritorno sul podio del gigante è rimandato. Federica Brignone ci è andata vicina a Spindleruv Mlyn, ma alla fine si è dovuta accontentare del quarto posto scivolando di una posizione dopo la seconda manche: aveva Mikaela Shiffrin dietro di lei, restarle davanti era dura considerando anche le grandi motivazioni della statunitense a caccia della certezza aritmetica di portare a casa la coppa di specialità già oggi, e alla fine l’azzurra ha subito il sorpasso, con la leader di Coppa del mondo che ha stabilito nettamente il miglior tempo della seconda manche. Così il podio è sfumato, anche perché, oltre alle due grandissime interpreti della specialità, Petra Vlhova e Mikaela Shiffrin, oggi si è dovuta arrendere anche alla tedesca Viktoria Rebensburg, molto aggressiva in entrambe le manche e alla fine seconda al traguardo con soli 11 centesimi di ritardo da Vlhova. La slovacca ha legittimato il titolo mondiale vinto ad Are soprattutto nella prima manche, quando aveva sbagliato nella parte alta eppure aveva rifilato distacchi enormi alle rivali. Anche nella seconda ha commesso un altro errore che avrebbe potuto comprometterne la gara, invece nel finale ha recuperato ed è tornata davanti alla Rebensburg. Il suo trionfo costringe così Shiffrin a dover dare tutto anche alle finali di Soldeu per la coppetta di gigante, avendo ora 97 punti di vantaggio su Petra Vlhova. Nella classifica generale, dove Brignone sale al quinto posto a quota 686 davanti a Ragnhild Mowinckel, Shiffrin era già certa della terza sfera di cristallo consecutiva dopo le gare saltate a Sochi. (Spr/AdnKronos)