NBA
LaPresse/Reuters

Secondo Charle Barkley, Kyrie Irving e Kevin Durant non avrebbero la stoffa per giocare ai Knicks: il talento è fuori discussione, il problema sarebbe la loro forza mentale

La prossima estate, i New York Knicks saranno una delle franchigie dalle quali ci si aspetta fuoco e fiamme sul mercato. I Knicks hanno lavorato in questa stagione per liberare il maggior spazio salariale possibile, sacrificando anche Kristaps Porzingis, al fine di potersi permettere due top player da firmare al massimo salariale. Due fra i nomi più caldi sono quelli di Kyrie Irving, in uscita dai Celtics, e Kevin Durant, pronto a dire addio agli Warriors, magari dopo il terzo anello.

Due giocatori di valore assoluto, ma che non convincono Charles Barkley. L’ex cestista dei Suns, attuale opinionista con la fama di ‘non avere peli sulla lingua’, ha spiegato di non vedere bene Irving e Durant nella ‘Grande Mela’, a causa della loro attitudine poco incline a sopportare la pressione: “non credo che Kyrie Irving e Kevin Durant siano abbastanza tosti da poter giocare a New York. Kyrie è davvero un buon giocatore, Durant è un grande giocatore, ma sinceramente non credo che New York e faccia per loro, non credo ne siano in grado. Voglio dire, sono due giocatori che si lamentano delle domande che i giornalisti gli fanno come possono avere successo nella Grande Mela che vive di questo? Cosa direi loro se mi chiedessero un consiglio? Gli direi di lasciare perdere, probabilmente: non siete abbastanza tosti per New York“.