LaPresse/REUTERS

Paolo Simoncelli ed il gesto ‘estremo’ per il bene del suo pilota Niccolò Antonelli: il fondatore del team SIC58 Squadra Corse spiega il perchè dell’allontanamento del padre di Antonelli dai box

La stagione a due ruote sta per iniziare: i piloti di tutte le categorie sono ormai pronti all’esordio di domenica 10 marzo in Qatar. Non mancano però le sorprese e i colpi di scena: all’interno del team SIC58 Squadra Corse, qualcosa è andato ‘storto’ e Paolo Simoncelli è stato costretto ad ‘allontanare’ il padre di Niccolò Antonelli.

Nessuna lite, nessun gesto clamoroso, una decisione presa per far vivere al giovane pilota una stagione con più serenità, senza essere influenzato dal padre: “quest’anno ho trovato due piloti maturati. Nicco ha fatto un salto mentale. Non so se è merito nostro, perché non me ne voglia il babbo, ma avremmo pensato che se fosse meno presente alle gare saremmo più contenti. Penso che Nicco ne trarrebbe vantaggio, ne abbiamo parlato insieme”, ha raccontato Simoncelli a Sky Sport.

Il padre del SIC ha poi fatto un paragone col suo rapporto col figlio Marco: “sicuramente eravamo uniti, ma Niccolò Antonelli e il suo babbo sono talmente legati che suo padre lo condiziona con i suoi gesti, le sue espressioni. L’anno scorso ho notato che Nicco pativa queste cose e quest’anno gli abbiamo consigliato di non essere a tutte le gare. Abbiamo notato che inizia ad essere più vivace, dice anche delle battute e barzellette… Sono contento”.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE: 

>> Per iOS

>> Per Android