Mondiale MXGP al via, Cairoli alla conquista del decimo titolo: “io come Cristiano Ronaldo”

Alessandro Tocco/LaPresse

Antonio Cairoli alla conquista del decimo titolo mondiale MXGP, il pilota messinese parla alla vigilia del primo Gran Premio di stagione

Dall’alto dei 9 titoli mondiali conquistati (proprio come l’amico Valentino Rossi) e con in testa il decimo da ottenere quest’anno, Antonio Cairoli si appresta ad esordire nel campionato mondiale MXGP 2019 domani in Argentina. Alla viglia del primo Gran Premio di stagione, in programma a Neuquén, Cairoli ha rilasciato un’intervista a “Gazzetta dello Sport”.

Alessandro Tocco/LaPresse

L’obiettivo è la vittoria; ogni anno si parte con questa idea, ma durante l’anno può succedere di tutto. – ha spiegato il campione di motocross – Se conta la fortuna? Conta tanto, in questo sport il rischio di un infortunio è costante e se capita è difficile puntate al titolo, ma la costanza è il fattore che più premia. L’uomo da battere è il mio compagno di team Herlings e gli altri ex iridati come Gajser, Febvre e Desalle, gente che sa come si vince. Bisogna vedere chi sarà più in forma”.

In sostanza la moto non è cambiata granché dallo scorso anno, ma è stata fatta una revisione a livello di erogazione del motore, perché nel 2018 ho visto che qui avevamo alcuni aspetti che non mi piacevano. – ha continuato Antonio – Abbiamo fatto uno sforzo in questa direzione, e penso che alle prime gare del Mondiale avremo la moto messa a puntino”.

Alessandro Tocco/LaPresse

I numeri non mi sono mai interessati molto. – ha dichiarato CairoliOggi come ieri. Io parto per vincere un titolo e non il 10o. Se corri senza mai volerti accontentare, se vuoi migliorare ogni anno, cercando di rendere perfetta la tua guida, se sei esigente con te stesso, ogni volta è una nuova sfida. È anche un messaggio per i giovani: il sacrificio è essenziale se vuoi arrivare in cima, il successo non si compra. Se ti alleni mentre gli altri dormono hai più chance. Quando puoi spingere, devi sempre dare il massimo”.

Cairoli, che spera di vincere il decimo titolo prima di Valentino Rossi, si sbilancia sul suo futuro: “vorrei provare la WRC ufficiale in un test. Il rally, dopo il motocross, è la mia grande passione. Non a breve, ma se ci fosse l’opportunità perché no? Volentieri”. Infine, sulla sua fede juventina, Cairoli conclude: “ho gioito per l’arrivo di CR7, un fenomeno come ne esistono pochi. Cosa ci accomuna? Credo il fatto di essere metodici in allenamento, il segreto per essere sportivi longevi e per non dimostrare l’età che hai”. 

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Giulia Galletta (13421 Articles)
Nata il 21 giugno 1988 a Palmi, provincia di Reggio Calabria
Contact: Website


FotoGallery