GABRIEL BOUYS / AFP

Diego Simeone parla alla vigilia dell’ottavo di finale di Champions League contro la Juventus: le dichiarazioni dell’allenatore dell’Atletico Madrid

“Godin sta bene, ora si allenerà con il gruppo e domani immagino starà in campo”. Il tecnico dell’Atletico Madrid, Diego Simeone, è ottimista sul recupero del difensore per il match di domani contro la Juventus nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League all’Allianz Stadium. “Per quanto riguarda la Juve – aggiunge Simeone in conferenza , non possiamo parlare solo di Cristiano Ronaldo. E’ una squadra fortissima, con campioni e uomini di tante battaglie come quella di domani. Chiunque giochi con lui e Mandzukic sicuramente ci obbligherà a grande attenzione”.

Molto difficile parlare di favoriti”. Diego Simeone risponde così a chi domanda se, dopo il 2-0 dell’andata contro la Juventus, il suo Atletico Madrid possa essere considerato il favorito per il passaggio ai quarti di finale di Champions League. “Quando si tratta di eliminatorie come questa, con due avversarie così forti, è come se si giocasse in due tempi. L’andata è un momento, il ritorno l’altro”, evidenzia il tecnico.

“Una squadra passerà e l’altra no. Dovremo approfittare dello spazio a disposizione e sicuramente sarà meno di quello dell’andata. Ci sono squadre che hanno già giocato e noi per parlare dobbiamo aspettare domani. Ogni partita è diversa dall’altra e domani noi dobbiamo lottare con calma e umiltà, sapendo che giochiamo contro una società fortissima. Senza dubbio, sarà una bella partita di calcio”. Tra gli osservati speciali della Juventus ci sarà anche l’ex bianconero Alvaro Morata: “lui è importante e dà soluzioni alla squadra, dovrà sfruttare gli spazi che una squadra che attacca molto può lasciare in difesa. Cercheremo di giocare la miglior partita perché lui possa esprimersi al meglio”.

L’Atletico ha riposato un giorno di meno rispetto alla Juventus, ma Simeone non cerca alibi: “si potrebbe discutere di questo per migliorare la risposta delle squadre spagnole in Europa, ma sono solo chiacchiere. Noi non cercheremo scuse, come sempre”. Nessun commento, infine, sul ritorno di Zinedine Zidane sulla panchina del Real Madrid: “non credo sia il caso di parlare di lui oggi, con tutto il rispetto”. (Spr/AdnKronos)