massimiliano allegri
LaPresse

Juventus-Atletico Madrid potrebbe sancire la fine dell’era Allegri sulla panchina bianconera, una sconfitta potrebbe voler dire addio a fine stagione

Juventus-Atletico Madrid è alle porte, martedì sera i bianconeri si giocheranno il tutto per tutto per tentare di qualificarsi ai quarti di finale di Champions League dopo lo 0-2 dell’andata in favore di Simeone e soci. Allegri a seguito di quell’incontro è stato duramente criticato da tifosi ed addetti ai lavori, a causa dell’atteggiamento troppo remissivo della sua squadra, dettato anche dalle sue scelte. Ad esempio l’aver tenuto fuori Cancelo in favore di De Sciglio è stata vista come una mossa di debolezza da parte del tecnico bianconero, che ha avuto paura di osare al Wanda Metropolitano.

LaPresse/Daniele Badolato

Adesso però Allegri sa bene di non aver nulla da perdere, dunque chiederà di certo un atteggiamento diverso ai suoi. Dal punto di vista degli uomini vi saranno comunque delle assenze importanti per la Juventus. De Sciglio, Barzagli, Cuadrado e Khedira sono out a causa di problemi fisici, mentre Alex Sandro sarà squalificato per l’incontro con l’Atletico Madrid. Allegri potrebbe però avere un’arma in più dalla panchina, vale a dire Douglas Costa, calciatore in ripresa dopo qualche acciacco. Le ultime indiscrezioni provenienti dal ritiro bianconero parlano di una formazione che potrebbe essere decisamente a trazione anteriore. La difesa a 4 è praticamente obbligata, con Caceres e Cancelo sulle corsie ed il duo Bonucci-Chiellini davanti a Szczesny. A centrocampo dovrebbero stazionare Pjanic e Matuidi, con 4 calciatori offensivi ad agire davanti. Bernardeschi, Dybala, Cristiano Ronaldo e Mandzukic si divideranno lo spazio in attacco, con Douglas Costa pronto a subentrare. Dunque Juventus pronta a schierare tutte le sue armi offensive, con Kean che scalpita dopo la doppietta all’Udinese. Allegri è pronto a vendere cara la pelle allo Stadium.